I primi 50 Anni della Missione Cattolica Italiana di Kempten

15 e 16 Ottobre 2016

Corriere d'Italia   Vita e Lavoro   Notiziario di Memmingen   SonntagsZeitung

Corriere d'Italia (Copia) Webgiornale (Copia)

"La Missione festeggia! Festeggia con noi!" Così inizia l'invito che la Missione Cattolica Italiana di Kempten ha inviato nelle settimane scorse alle Autorità Civili e Religiose, alle Istituzioni, alle Associazioni e, soprattutto,  ai  Connazionali e a tutti i loro amici tedeschi e non.

I Grandi Festeggiamenti del 15 e 16 Ottobre – perché veramente così meritano di essere chiamati e ricordati –  preparati con grande impegno dall'attuale Missionario, P. Bruno Zuchowski, validamente affiancato dalla Segretaria Giuseppina Baiano-Polverino, dal Presidente del Consiglio Parrocchiale, Gianpiero Trovato, dalla sua Consorte Gisella, dal Signor Alessandro Fisicaro e dai numerosi Collaboratori e Collaboratrici, hanno avuto inizio alle 15:00 di sabato, 15 Ottobre, negli ampi locali della Parrocchia di St. Anton.

I numerosissimi presenti che, man mano, nel corso del pomeriggio, hanno riempito la sala, come sempre, sono stati ricevuti molto calorosamente da P. Bruno e dalla Signora Giuseppina, che, presentando a grandi linee il programma, non ha mancato di ringraziare  i convenuti, anche in tedesco, data anche la presenza del 2° Borgomastro della città, Signora Sibylle Knott, del Consigliere Comunale Peter Wagennbrenner, della Famiglia Rieger del KAB di St. Anton, del Diacono Eger e di tanti altri ospiti tedeschi. 

La Segretaria,  nel suo breve intervento d'apertura, ha presentato l'ennesima mostra fotografica sull'Emigrazione Italiana in Germania, ideata e allestita dal Comm. Antonino Tortorici, Corrispondente Consolare per Memmingen e dintorni, nonché Presidente del Consiglio Consultivo degli Stranieri della stessa città, e dell'Esposizione ad essa collegata dell'artista e collaboratore impareggiabile e indistruttibile della Missione: Vincenzo Mattina.  La Signora Giuseppina ha proseguito poi passando alla seconda parte del pomeriggio, parlando dell'esibizione del Gruppo Folk-ACLI di Kaufbeuren, reduce anch'esso di numerosi spettacoli di successo anche all'estero, proposto con la collaborazione del Circolo ACLI di Kempten e, non da ultimo, dell'iniziativa in favore dei bambini bisognosi della Diocesi di Città del Capo, in favore dei quali, si è svolta una colletta che ha permesso di raccogliere una lodevole somma.  

Poi è stata la volta di P. Bruno che, dopo i suoi saluti agli ospiti tedeschi già nominati, ha salutato tutti i connazionali presenti, tra cui, il Comm. Antonino Tortorici; il Dr. Fernando A. Grasso, Corrispondente Consolare per il Circondario di Kempten, nonché Vicepresidente Vicario delle ACLI Baviera, e Webmaster del Sito ACLI Baviera e delle Pagine dedicate alla Missione la Presidente del locale Circolo ACLI, nonché Membro del locale Consiglio per l'Integrazione, Signora Emma Grenci, il Cav. Corrado Mangano, già Assistente Sociale del Caritas, e Signora, il Dr. Mario Cerutti e Signora, il Direttore ed Editore di Vita e  Lavoro e dei Notiziari di Memmingen e Kaufbeuren Dr. Francesco Messana. Subito dopo c'è stato l'immancabile taglio del nastro per l'inizio ufficiale della festa e la successiva presentazione del bellissimo libretto informativo ricco di foto a colori, che documentano puntualmente la vita di noi emigrati in questi ultimi cinquant'anni a Kempten e dintorni (anche del sottoscritto). Un libro destinato ai presenti alla Festa e a tutti gli interessati che ne faranno richiesta alla Missione.  Un'altra testimonianza degli Anni '60 giunta nel febbraio del 2017.

Quindi hanno preso la parola: il 2° Borgomastro Knott, il Diacono Eger e il Dr. Grasso. Nei loro brevi interventi, in tedesco, Knott ed Eger e, in italiano, Grasso, hanno ribadito l'importanza dell'arrivo di tante persone di buona volontà nella società tedesca, negli anni del boom, delle successive difficoltà dovute alla crisi della fine degli anni Sessanta, ma, soprattutto della tenacia che ha fatto sì che questi Gastarbeiter di una volta diventassero degli elementi oramai insostituibili nella nostra attuale società, grazie anche al sostegno delle Missioni, delle Associazioni e Realtà varie. 

Grasso, in particolare, dopo aver porto il saluto inviato per e-mail dal Responsabile dell'Amministrazione del Consolato Generale di Monaco, Dr. Ricciardi, in cui vengono inviati "auguroni vivissimi per  queste nozze d’oro di un’istituzione fondamentale per il progresso e per l’assistenza civile e spirituale della nostra comunità", non ha fatto che ribadire quanto appena letto nel messaggio consolare e quanto appena detto dal 2° Borgomastro riguardo ai Gastarbeiter di una volta e, partendo, con una certa commozione, dalla sua esperienza personale, raccontata anche nel libretto in distribuzione, ha ringraziato la società tedesca e le Istituzioni civili e religiose che lo hanno aiutato ad inserirsi nella società, come, del resto, è avvenuto per la stragrande maggioranza di noi emigrati. Una consapevolezza che dovrà spronarci ad accogliere con generosità la nuova emigrazione extraeuropea. 

Poi è arrivato il momento della presentazione della Mostra Fotografica da parte di Tortorici, che dopo aver raccontato – come nel libretto – del suo arrivo in terra tedesca e parlato di tanti episodi legati a quelle sue prime esperienze, ha spiegato il motivo di questo suo interesse per la fotografia, che lo ha portato nel corso degli anni, alla realizzazione e raccolta di tante fotografie e documentazioni, legate alla nostra emigrazione. Al termine del suo intervento il Commendatore ha invitato quindi gli intervenuti ad andare con lui alla scoperta dei vari punti della sua esposizione: Emigrazione in generale, Emigrazione in Baviera ed Emigrazione nella  nostra zona, in cui compaiono anche delle famiglie e delle persone piuttosto note ai presenti, tra cui: le tre generazioni di una gelateria, quelle di un noto ristorante, alcune celebrazioni di nozze, di battesimi, documenti dei primissimi anni a Kempten di chi scrive e testimonianze dello stesso espositore, ecc. Durante questo giro si sono mostrati molto interessati, e gli ospiti tedeschi, e i connazionali. Basta osservare l'espressione dalle persone che compaiono nelle foto, che chiudono questo articolo. Notevole interesse e grande ammirazione anche per le opere d'intarsio del valente Mattina che ha ricevuto complimenti a bizzeffe da tutti i visitatori.

Poi la serata è proseguita con l'arrivo del Presidente del Consiglio Pastorale, Gianpiero Trovato, assente sino a quel momento per motivi di lavoro. Assenza subito recuperata, e con un caloroso saluto ai convenuti, e con la presentazione più dettagliata del progetto di sostegno St. Kizito per bambini bisognosi e  malati di AIDS, e, non da ultimo, con qualche parola di anticipazione sullo  Spettacolo "Siamo tutti emigranti", che avrebbe proposto da lì a poco il Gruppo Folk-ACLI, arrivato in quel momento. Gruppo che, presentato, in modo più particolareggiato dal Comm. Carmine Macaluso, Presidente delle ACLI Baviera ed instancabile Promotore del Gruppo – che ha curato spesso il commento in tedesco delle scene, danze  e canti proposti – ha deliziato per ben due ore il pubblico, che, nel frattempo, aveva riempito la sala. Pubblico che, vari Componenti del Folk-ACLI, al termine dello spettacolo e dopo, essere stati presentati singolarmente da Macaluso,  hanno strappato dalle sedie e coinvolto in una scatenata tarantella, ed invitato alla prossima rappresentazione, che avrà luogo nella Sala Comunale di Kaufbeuren Domenica, 4 Dicembre. Questa prima giornata di festeggiamenti è terminata alle 21:00 circa. 

Domenica, 16 Ottobre, alle ore 11:30, come da programma, sono ripresi i festeggiamenti con la Concelebrazione di una Messa Solenne da parte di otto Sacerdoti, tra cui: Monsignor Alessandro Perego,  Incaricato  per i Missionari dalla Diocesi di Augsburg, Monsignor Bernhard Ehler, Decano di Kempten,  P. Fausto Quai, P. G. Gilberti, già Missionari a Kempten, il Parroco di St. Anton, P. Bernhard Hesse, il Parroco di Neu-Gablonz, P. Thomas Hagen e, non da ultimi, l'attuale Rettore della Missione di Augsburg e Kempten, P. Bruno Zuchowski e il suo Provinciale. 

Suggestivi i vari momenti della Funzione, anche per i canti accompagnati egregiamente alla chitarra e preparati per l'occasione dal Gruppo diretto da G. Trovato. Coinvolgente l'Omelia di Mons. Perego: "Missione: trasmettere la gioia di essere credenti"; "Essere insistenti e costanti nella preghiera come nel brano biblico in cui Mosè viene "sostenuto" nella sua insistente preghiera da Aronne e Cur per la salvezza del suo popolo;  o anche insistenti e costanti come la  vedova nei confronti del giudice ingiusto, che alla fine cede, e di cui parla Gesù nel brano evangelico domenicale, e che conclude: "E il Signore non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui?". Significativi anche gli interventi degli altri Sacerdoti, a cominciare da Padre Bruno, che, dopo aver letto il Messaggio del Delegato per le Missioni in Germania e Scandinavia, P. T. Bassanelli, ha ringraziato tutti e soprattutto il Signore per questo meraviglioso momento della sua vita e continuando con Mons. Ehler che, come Decano e Parroco della Basilica di St. Lorenz, segue e appoggia con grande interesse la nostra Comunità (vedi: Annuale Celebrazione del Corpus Domini).

Il pranzo, che è seguito, è stato veramente all'altezza delle aspettative: i collaboratori, che hanno contattato il servizio con una ditta specializzata per questi eventi, hanno saputo veramente scegliere, come commentato da tutti i partecipanti al festoso pranzo conviviale. Anche perché allietati da un complesso e da alcune brevi scenette presentate da bambini della Missione, preparati appositamente da alcune Mamme, da un "libiamo, libiamo ne' lieti calici" improvvisato da due giovanissimi partecipanti e dalla visita di un improbabile "giovane" Scozzese, che con la sua partecipazione ha voluto dare il suo contributo, facendo gli auguri alla Missione e al Missionario. Durante questa giornata gli intervenuti, che non erano stati presenti il sabato, hanno avuto l'occasione di ammirare le foto sull'emigrazione e le opere d'intarsio esposte. I festeggiamenti sono terminati alle 18:00 circa, dopo la spontanea esecuzione dell'Inno degli Italiani, proposto dal complesso e cantato con grande orgoglio da tutti i presenti.

Qui di seguito si possono vedere alcuni momenti salienti del sabato e della domenica. Sono grato sin da adesso per eventuali richieste di integrazione, o correzione, ma anche per contributi fotografici. Ringrazio, intanto, tutti coloro che hanno inviato consigli o richieste, tra cui gli Amici: Tortorici, Messana e Franco!

Im Folgenden finden Sie einige Highlights von Samstag und Sonntag zu sehen. Ich bin Ihnen dankbar für  alle Anträge auf Integration oder Korrektur, und auch für Fotobeiträge.  Inzwischen bedanke ich mich bei allen denjenigen, wie bei meinen Freunden: Tortorici, Messana und Franco, die mir, Beiträge, Tipps, oder Wünsche schon gesendet haben!

Dr. Fernando A. Grasso

 

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36     

37   

38

 39  

40

41

42

 43 

44    

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

  60 

61

62

63

   

 64